terapie inalatorie torino

La prevenzione che viene dalla natura

“ASPETTANDO L’INVERNO ALLE TERME”

Prevenzione dei mali di stagione e benessere grazie alle terapie termali inalatorie a Torino.

Le vacanze estive sono ormai un vaghissimo ricordo; perché non sfruttare il periodo autunnale per prepararci bene alla stagione più fredda? In questo periodo, com’è noto, è fondamentale rafforzare le difese immunitarie del proprio organismo per affrontare in piena salute i mesi più rigidi dell’anno.

Un periodo dedicato alle terapie termali può aiutare a prevenire molti problemi per la salute tipici dell’inverno come, ad esempio, malattie acute delle alte vie respiratorie, sinusiti, allergie e otiti. Le cure termali di Salsomaggiore e Tabiano (acque presenti nel nostro centro) naturali, ben tollerate e senza controindicazioni, sono la risposta ideale per i bambini ma, più in generale, per di ogni età.

 

Naso, gola, orecchie, bronchi sono perennemente “sotto attacco” con l’arrivo della brutta stagione. Niente paura, un valido aiuto arriva dalle cure respiratorie termali (inalazioni, aerosol, irrigazioni, docce nasali, politzer) che consentono di prevenire gli episodi acuti delle diverse patologie da raffreddamento (sinusiti, otiti, tonsilliti) o di ridurne numero ed intensità. Di conseguenza diminuisce anche l’impiego dei farmaci.

Per tutto questo le “terme termali del respiro” di Torino sono il luogo ideale.

terapie inalatorie torino

 

Nel trattamento delle sinusiti, ad esempio, la terapia con l’acqua termale permette di alleviare durata e intensità dei sintomi, con un significativo miglioramento delle condizioni generali del paziente. Lo stesso discorso vale anche per le riacutizzazioni delle broncopneumopatie, più frequenti nella stagione invernale.

 

 

Ma come mai nel periodo invernale aumentano le malattie infettive delle alte vie respiratorie?

Come viene spiegato dal direttore Sanitario delle Terme di Tabiano Dr. Massimo Gualerzi

“Accade soprattutto perché le basse temperature, gli sbalzi repentini e gli alti tassi di umidità dell’aria diminuiscono le difese del nostro organismo. Le infezioni più frequenti sono senza dubbio a carico del naso e della gola e per superare la fase acuta di questi disturbi, come è noto, vengono consigliati riposo, assunzione di liquidi, antipiretici, antinfiammatori e, solo se necessari, antibiotici. Queste affezioni, soprattutto se si ripetono e se interessano le persone più a rischio, come bambini, anziani e malati cronici con un fisico già debilitato, provocano la formazione di secrezioni catarrali nelle fosse nasali, nei seni paranasali, nel rinofaringe e nel tratto faringolaringeo; questo accade perché, spesso, le infezioni alterano l’apparato mucosecernente delle alte vie respiratorie, modificando qualità e quantità della secrezione catarrale, nonché la funzionalità delle cilia vibratili presenti a livello della mucosa respiratoria e necessarie per il trasporto e l’eliminazione del muco”.

 

Le cure termali con acqua sulfurea sono molto spesso indicate nelle persone affette da questi disturbi, proprio perché hanno una spiccata attività mucolitica e svolgono un’azione eutrofica (normalizzante) e rivitalizzante sulle mucose.

L’acqua sulfureo-solfato-calcica di Tabiano, che si trova tra le acque disponibili tra le terapie termali di Curaterme a Torino, svolge anche un’importante azione preventiva verso le malattie da raffreddamento, poiché normalizza la produzione degli anticorpi di superficie, aumentando, quindi, le difese locali.

Accanto alle tradizionali cure inalatorie sono in molti casi determinanti l’irrigazione nasale e la doccia nasale micronizzata, indicate per la detersione ed il lavaggio delle fosse nasali; queste ultime cure sono consigliate in tutte quelle patologie del naso e dei seni paranasali che richiedono la detersione ed il lavaggio delle fosse nasali.

Rispondi